Salta ai contenuti
Salta al menù

Ente per la Gestione del
Parco Regionale di Montevecchia e Valle del Curone

Sede: 23874 MONTEVECCHIA (LC) - Loc. Butto, 1 - Tel. 039.9930384 - Fax. 039.9930619
C.F. 94003030130 - Web: www.parcocurone.it - E-Mail: info@parcocurone.it

Inizio contenuti

Platano comune

Foto di Platano comune
Le foglie sono palmate e divise in 5 lobi profondamente dentati.

Specie: Platanus hispanica Mill. ex Munchh.
=Platanus hybrida Brot.
Nome volgare: Platano comune
Divisione: SPERMATOFITE
Sottodiv.: Angiosperme
Famiglia:PLATANACEAE
Habitat: boschi umidi
Fioritura: da Aprile a Maggio
Forma: Fanerofita arborea
Durata/Portamento: albero
Colore del fiore: verde, rosa
Origine: esotica
Protezione: Nessuna

Il Platano è un albero a foglie caduche robusto, spesso maestoso e molto longevo, che può raggiungere l'altezza di 30 m. Il tronco è eretto, corto, con grosse ramificazioni principali e rametti secondari pubescenti e ricadenti. La corteccia è variamente colorata e si sfalda con l'età in placche irregolari che conferiscono al tronco e ai rami un caratteristico aspetto a mosaico assomigliante ad una tuta mimetica da militare. La chioma è ampia e densa a portamento tondeggiante. Nel Parco il Platano è diffuso nei boschi umidi, ma ben soleggiati, di fondovalle.

Le foglie hanno un lungo picciolo terminante in una guaina basale, sono alterne, con lamina coriacea, palmata, solitamente divisa in 5 lobi profondamente dentati. La pagina superiore è glabra, mentre la pagina inferiore è tomentosa in corrispondenza delle nervature. Sono molto simili a quelle di Acer platanoides.

I fiori, che si sviluppano contemporaneamente alle foglie, sono unisessuali, riuniti solitamente in 2 capolini globosi e penduli portati da lunghi peduncoli. Quelli femminili si sviluppano all'apice dei rami, misurano 2-3 cm di diametro e sono rossicci; quelli maschili sono distribuiti sui rami e sono più piccoli. L'impollinazione è anemofila.

Le infruttescenze sferiche sono composte da numerosi acheni piumosi che a fine inverno vengono dispersi dal vento.

Particolarità:

  • Il nome del genere Platanus deriva dal greco "platanos" riconducibile all'aggettivo "platys" = ampio, largo, spazioso, riferito probabilmente alle grandi foglie o all'ampiezza della sua chioma.
    Il nome della specie hispanica ne indica la presunta provenienza.
  • Il Platano viene coltivato ovunque, lungo i canali irrigui, le strade, le separazioni poderali, ecc. Essendo molto resistente sia agli insetti nocivi sia alle potature, è utilizzato nelle alberature stradali, nei parchi urbani o nei giardini privati dove spesso diventa albero monumentale di notevole dimensione.
  • Il legno è facilmente lavorabile ed usato per lavori di falegnameria, carpenteria, di tornio e di intaglio.
Ultimo aggiornamento:
15/6/2015
Opzioni

Leggi le caratteristiche della famiglia delle PLATANACEAE

Elenca altre specie della stessa famiglia:
Elenca altre specie che fioriscono tra Aprile e Maggio:
Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone
Loc. Butto, 1 - 23874 Montevecchia (LC) - Tel. 039.9930384, Fax 039.9930619
Contatti