Salta ai contenuti
Salta al menù

Ente per la Gestione del
Parco Regionale di Montevecchia e Valle del Curone

Sede: 23874 MONTEVECCHIA (LC) - Loc. Butto, 1 - Tel. 039.9930384 - Fax. 039.9930619
C.F. 94003030130 - Web: www.parcocurone.it - E-Mail: info@parcocurone.it

Inizio contenuti

Capelvenere

Foto di Capelvenere
E' una graziosa e delicata Felce, molto rara nel Parco.

Specie: Adiantum capillus-veneris L.
Nome volgare: Capelvenere
Divisione: PTERIDOFITE
Famiglia:PTERIDACEAE (ADIANTACEAE)
Habitat: grotte, sorgenti
Sporificazione: da Giugno a Settembre
Forma: Geofita rizomatosa
Durata/Portamento: perenne
Colore del fiore:
Origine: autoctona
Protezione: Raccolta regolamentata

E' una piccola e graziosa felce dalle fronde lunghe 10-30 cm che cresce nelle fessure delle rocce soggette a stillicidio, all'imboccatura delle grotte, sulle pareti umide di vecchi lavatoi, preferibilmente su rocce calcaree. Ha un rizoma orizzontale strisciante e squamoso. Nel Parco è rarissima e localizzata in poche stazioni.

Le delicate fronde, lunghe solitamente da 10 a 30 cm, hanno piccioli esili, neri lucenti, con pinnule a forma di piccoli ventagli dai contorni frastagliati.

I sori sono disposti nella pagina inferiore della pinnula, protetti dal margine ripiegato di sotto (revoluto).

Particolarità:

  • Per il sistema riproduttivo delle felci vedi Athyrium filix-femina.
  • Il nome del genere Adiantum deriva dal greco e significa "non si bagna": le foglie infatti restano asciutte e le gocce d'acqua scivolano su di esse senza impregnarle.
    Il nome della specie capillus-veneris deriva dalla sottigliezza dei piccioli che sembrano capelli (di Venere).
  • Il Capelvenere è una pianta che viene coltivata in vaso ma è molto difficile da mantenere in quanto delicata ed esigente: non sopporta infatti il riscaldamento domestico e richiede un alto tasso di umidità nel terreno e nell’aria.
  • E' una pianta conosciuta fin dall'antichità per le sue molteplici proprietà alcune delle quali ancor oggi riconosciute dalla moderna farmacopea.
    Tutta la pianta è considerata espettorante, decongestionante delle vie respiratorie, fluidificante biliare e quindi particolarmente indicata contro le tossi ostinate, i catarri bronchiali, l'asma.
    Trova impiego anche come regolatore mestruale, come digestivo e nella disintossicazione epatica da tabacco ed alcool. Per uso esterno si usa per gargarismi nelle affezioni della gola e per applicazioni sul cuoio capelluto come antiforfora e anticaduta dei capelli.
    Attenzione: le indicazioni farmaceutiche hanno solo scopo informativo; qualunque applicazione e assunzione deve essere prescritta e seguita dal medico.
  • Il genere Adiantum appartenente alla famiglia Adiantaceae è stato incluso nella famiglia Pteridaceae (classificazione APW).
Ultimo aggiornamento:
21/7/2016
Opzioni

Elenca altre specie della famiglia PTERIDACEAE:
Elenca altre specie che sporificano tra Giugno e Settembre:
Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone
Loc. Butto, 1 - 23874 Montevecchia (LC) - Tel. 039.9930384, Fax 039.9930619
Contatti